LA RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE

(A PROPOSITO DI SPORT => )




Il legamento crociato anteriore e’ una struttura anatomica complessa costituita da 2 fasci principali che svolgono compiti differenti: il fascio antero mediale deve controllare la traslazione anteriore della tibia sul femore mentre il fascio postero laterale controlla le rotazioni.

La maggior parte delle tecniche chirurgiche fino ad ora adottate ha sempre ricostruito il fascio antero mediale del legamento crociato anteriore mentre il fascio postero laterale più piccolo normalmente non veniva ricostruito principalmente a causa della difficolta’ tecnica di tale procedura.

Recenti studi effettuati con tecnologia robotica computerizzata su cadavere hanno pero’ dimostrato che la ricostruzione con fascio singolo pur essendo molto efficace nel limitare la traslazione anteriore della tibia non e’ in grado di controllare altrettanto bene le forze rotatorie.

Un’attento esame della letteratura rivela che circa il 90% dei pazienti trae beneficio dalla ricostruzione del legamento crociato anteriore; in alcuni casi però può persistere sensazione di moderata instabilità o scarsa sicurezza del ginocchio spesso tradotta con la frase “paura di un nuovo infortunio”.

Teoricamente la tecnica di ricostruzione a doppio fascio ristabilendo una migliore cinematica articolare dovrebbe garantire un recupero migliore del ginocchio soprattutto in attivita’ sportive ove le sollecitazione in rotazione del ginocchio sono elevate (es. calcio, basket, sci).

Per contro la tecnica a doppio fascio è più indaginosa, allunga i tempi operatori e richiede ulteriori materiali per la fissazione dell’innesto. Noi utilizziamo in genere il solo tendine del semitendinoso onde evitare di indebolire la catena dei muscoli flessori.

La fase di prelievo del tendine è analoga a quanto illustrato per la tecnica a fascio singolo.

Vengono quindi praticati due tunnel tibiali convergenti di 6 e 7 mm. e due tunnel femorali divergenti in modo da potere effettuare una ricostruzione “anatomica “del legamento crociato anteriore. Il fascio postero laterale ed antero mediale vengono passati nei rispettivi tunnel e fissati al femore mediante due bottoncini collegati al tendine stesso ed alla tibia con piccole viti ad interferenza in materiale riassorbibile.

Il programma riabilitativo post operatorio inizia immediatamente e non differisce da quello adottato nella ricostruzione a fascio singolo.


Commenti all' articolo:
Iscriviti al forum per inserire commenti su questo articolo















Accedi:

Non sei ancora registrato?








  CENTRO MEDICO O.A.S.I.
Via Amadeo 24
20133 Milano


  http://www.oasiortopedia.it






  Centro di riabilitazione isokinetic



  http://www.isokinetic.com/






  CENTRO AZIMUT



  http://www.riabilitazione.org





Copyright 1999 - OASI Bioresearch Foundation - Via G.A. Amadeo, 24 - Milano - PI