PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO IMPIANTO AUTOLOGO DI CONDROCITI

(RIABILITAZIONE => )

PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO IMPIANTO AUTOLOGO DI CONDROCITI

* Dr. G. Melegati: Istituto Ortopedico Galeazzi – Milano
** Dr. Alberto Gobbi: Orthopaedic Arthroscopic Surgery Int. Milano

Il programma rabilitativo dopo innesti condrocitari non e’ ben documentato in letteratura e richiede una buona conoscenza del gesto chirurgico e dei tempi biologici di riparazione del tessuto; il riabilitatore inoltre e’ tenuto a studiare e conoscere gli effetti che carico, esercizi ed utilizzo di eventuali terapie fisiche producono sul tessuto riparato.

Il nostro protocollo riabilitativo prevede 4 fasi:

Fase 1: Fase della protezione dell’innesto (0-6 settimane)

Fase 2: Fase di transizione (6-12 settimane)

Fase 3 Fase della maturazione (12-24 settimane)

Fase 4: Fase del recupero funzionale (24-52 settimane)

Il passaggio da una fase alla successiva e’ dettato dal raggiungimento di determinati obiettivi.

Fase 1: Fase della protezione dell’innesto (0-6 settimane)

Obiettivi:

- protezione del tessuto dal carico assiale e dalle forze tangenziali

- controllo del dolore e della infiammazione

- recupero completo dell’estensione

- graduale recupero della flessione

- recupero del controllo neuromuscolare del quadricipite

1. Tutore: tutore bloccato a 0° di estensione durante la deambulazione e sbloccato di notte per le prime 2 settimane

Carico: scarico completo per 15 gg., carico sfiorante alla 3-4 settimana, carico parziale (circa il 25% del peso corporeo) alla 5-6 settimana

2. uso di sistema di raffreddamento continuo in fase post operatoria immediata e farmaci antinfiammatori non steroidei

3. posture in estensione

4. graduale recupero della flessione : CPM (0°-40°) per 4-8 ore al giorno per le prime due settimane e incremento giornaliero del r.o.m. di circa 5 gradi /die ( quanto tollerato), esercizi di flessione passiva assistita due volte /die ( con l’obiettivo di raggiungere circa 90° di flessione dopo la seconda settimana, circa 105° dopo la quarta settimana, circa 120° dopo la sesta settimana) .Iniziamo inoltre in questa fase la mobilizzazione della rotula prima in senso medio-laterale e quando la ferita e’ in ordine anche in senso prossimo-distale

5. rinforzo muscolare: esercizi di flesso-estensione del piede a ginocchio esteso con elastici (progressione dal giallo al rosso), esercizi di co-contrazione isometrica multiangolo (0°-30°-60°-90°) di estensori-flessori di ginocchio, leg-extensione a carico naturale e con r.o.m tra 90°-40°,esercizi di streight leg rise a paziente supino sul fianco e prono, leg-press isometrico multiangolo (0°-30°-60°-90°) dalla 4 settimana, cicloergometro se e’ stata raggiunta una flessione=> 90°. Eventuale ricorso a elttrostimolazione di quadricipite (VMO e VL) se permane una marcata ipotrofia.

In questa fase introduciamo inoltre esercizi di recupero della sensibilita’ propriocettiva a partenza corticale (esercizi di posizionamento e riposizionamento articolare)

Si consiglia inoltre al paziente di evitare la stazione eretta prolungata e di diminuire le attivita’ in caso di comparsa di dolore e tumefazione del ginocchio

Fase 2 : Fase della transizione (6-12 settimana)

Criteri per il passaggio alla seconda fase:

-recupero di estensione passiva completa, flessione di circa 120°

-presenza di minimo doloree gonfiore

Obiettivi:

- rieducazione deambulatoria

- incremento graduale dell’articolarita’

- incremento graduale della stenia di quadricipite e flessori

- incremento graduale delle attivita’ funzionali

1. Carico progressivo fino a totale (quanto tollerato) e abbandono dei bastoni dalla 7 settimana

2. graduale incremento del range articolare con esercizi di flessione passiva assistita e mantenimento di estensione completa eventualmente con uso di posture in estensione. Continuare con mobilizzazione rotulea su tutti i piani dello spazio

3. rinforzo muscolare con esercizi in caneta cinetica chiusa (mini squat 0°-40°), graduale incremento delle ripetizioni e dei carichi alla leg-extension, cicloergometro progressivo (subito per 10 minuti, quindi incremento graduale della durata dell’esercizio fino ad un massimo di 30 minuti)

Esercizi di recupero della propriocettivita’ a partenza sotto-corticale(pedana stabilometrica e uso di tavolette poste in serie alla fine della 2 fase)

Si consiglia inoltre al paziente di incrementare progressivamente il tempo medio di postura in stazione eretta e di cammino.

Fase 3 : Fase della maturazione (12-24 settimana)

Criteri per passare alla fase 3:

-r.o.m completo (0°-135°)

-stenia del quadricipite= 70% rispetto al controlaterale (valutazione al dinamometro con test isometrico) e stenia dei flessori= 70% rispetto al controlaterale (valutazione al dinamometro con test isometrico)

-assenza (o minimo) dolore e gonfiore

Obiettivi

- incremento graduale di forza e resistenza muscolare di quadricipite e flessori

- incremento delle attivita’ funzionali

1. rinforzo muscolare: leg press (0°-90°), esercizi in catena cinetica chiusa (mezzo squat 0°-60°), leg extension (0°-90°), leg curl (90°-0°), step, cicloergometro, nuoto (evitando lo stile rana)

2. incremento delle attivita’ funzionali con incremento di durata velocita’ e pendenza del cammino, iniziare con un jogging leggero verso la fine della fase 3 (circa 5 mese)

Fase 4 : Fase del recupero funzionale (24-52 settimana)

Criteri per passare alla fase 4:

-r.o.m completo (0°-135°) in assenza di dolore

-stenia del quadricipite= 90% rispetto al controlaterale (valutazione al dinamometro con test isometrico) e stenia dei flessori= 90% rispetto al controlaterale (valutazione al dinamometro con test isometrico)

-assenza dolore e gonfiore

Obiettivi:

- graduale ritorno alle attivita’ funzionali senza limitazioni

1. rinforzo muscolare con esercizi in catena cinetica aperta e chiusa (con progressione costante dei carichi), esercizi pliometrici (dopo il 9 mese)

2. esercizi di recupero della sensibilita’ propriocettiva a partenza spinale (esercizi di stabilizzazione dinamica riflessa), esercizi di agilita’ e coordinazione , recupero del gesto atletico, progressione della attivita’ di corsa

Il ritorno allo sport e’ previsto a

-distanza di 9 mesi per sport a basso e medio impatto

-distanza di 10-12 mesi per sport a elevato impatto.


Commenti all' articolo:
Iscriviti al forum per inserire commenti su questo articolo















Accedi:

Non sei ancora registrato?








  CENTRO MEDICO O.A.S.I.
Via Amadeo 24
20133 Milano


  http://www.oasiortopedia.it






  Centro di riabilitazione isokinetic



  http://www.isokinetic.com/






  CENTRO AZIMUT



  http://www.riabilitazione.org





Copyright 1999 - OASI Bioresearch Foundation - Via G.A. Amadeo, 24 - Milano - PI