LA RIPARAZIONE DEL MENISCO CON FRECCETTE

(A PROPOSITO DI SPORT => )

NOVITA’ IN CHIRURGIA ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO:
LA RIPARAZIONE DEL MENISCO CON FRECCETTE

a cura del Dr. ALBERTO GOBBI


La chirurgia artroscopica del ginocchio ha avuto una continua diffusione negli ultimi 20 anni e grazie alla moderna tecnologia impiegata nella realizzazione di telecamere, ottiche, fonti di luce e computers per l’elaborazione delle immagini, oggi è possibile realizzare sotto controllo artroscopico interventi un tempo ritenuti impossibili.

La quantità di esami artroscopici che vengono effettuati nelle diverse specialità chirurgiche è in continuo aumento e si calcola che in Italia vengano eseguite più di 1 milione di artroscopie all’anno. Nell’ambito della chirurgia ortopedica il ginocchio è una delle articolazioni che più comunemente viene trattata mediante intervento artroscopico.

L’artroscopio è uno strumento che consente la visione diretta all’interno del ginocchio e pertanto viene utilizzato per la diagnosi ed il trattamento di molte lesioni; una telecamera collegata con l’artroscopio permette all’operatore di vedere su uno schermo un’immagine chiara della maggior parte delle aree del ginocchio.

Il ginocchio funziona come un cardine che consente il movimento tra tibia e femore. La cartilagine articolare rivestendo le estremità delle ossa consente un buon scorrimento; i menischi funzionano come anelli di tenuta: ripartiscono i carichi, stabilizzano l’articolazione ed agiscono come cuscinetti.

Torsioni improvvise o ripetute flessioni possono causare una lesione meniscale: il soggetto avverte dolore, il ginocchio può gonfiarsi e talora rimanere bloccato. L’ortopedico può asportare la parte di tessuto lesa, ma se la lesione è periferica oggi si preferisce riparare il menisco reinserendolo nella sua sede poiché in questa zona la vascolarizzazione è sufficiente a permetterne la guarigione.

Il modo più comunemente impiegato per riparare il menisco consiste nella sutura del menisco stesso, ma l’esecuzione richiede un’incisione più o meno grande all’esterno del ginocchio per annodare i fili.

Recentemente sono state presentate delle speciali freccette di dimensione poco più grande di un chiodino (10 – 16 mm. di lunghezza) realizzate in materiale bioriassorbibile – il polilattato - (le freccette scompaiono nel giro di 1 anno).

E’ possibile riparare in modo facile e preciso alcuni tipi di lesione meniscale. Utilizzando queste freccette che vengono “sparate” nel menisco si può eseguire una sutura detta “all inside” che consente la dimissione del paziente poche ore dopo l’intervento che viene eseguito in anestesia loco regionale.

Naturalmente il programma riabilitativo postoperatorio dovrà essere particolarmente cauto in modo da consentire una buona guarigione del menisco temporaneamente trattenuto in posizione dalle freccette.

Si può e si deve ridurre l’elevato rischio artrosico cui sono sono stati sottoposti in passato i soggetti ai quali venivano asportati completamente i menischi.

Salvare i menischi è oggi l’imperativo della moderna scienza ortopedica!


Commenti all' articolo:
Iscriviti al forum per inserire commenti su questo articolo















Accedi:

Non sei ancora registrato?








  CENTRO MEDICO O.A.S.I.
Via Amadeo 24
20133 Milano


  http://www.oasiortopedia.it






  Centro di riabilitazione isokinetic



  http://www.isokinetic.com/






  CENTRO AZIMUT



  http://www.riabilitazione.org





Copyright 1999 - OASI Bioresearch Foundation - Via G.A. Amadeo, 24 - Milano - PI